Chi Siamo?


I Ramara

Da secoli a Troina la devozione a San Silvestro è molto sentita, e ha il suo culmine in giugno, con una singolare manifestazione popolare.
Il giovedì notte, dopo una messa nella chiesa dedicata al Santo, numerosi troinesi – ne sono stati contati più di duecento – si incamminano nell’oscurità verso i sentieri di montagna che li porteranno nel cuore dei Nebrodi. Camminano tutta la notte, alla luce delle torce elettriche, tra botti e invocazioni al Santo, arrancando su per i sentieri più impervi, e l’alba li trova ancora lontani dalla meta.

Verso le nove del mattino arrivano a un “campo base”, dove sono stati preparati mucchi di legna da ardere e spazi per attendarsi: qui, coloro che hanno esaurito le forze si fermano, e tutti comunque fanno una sosta per rifocillarsi. Infine il gruppo dei “ramara”, quelli che andranno fino in fondo, prosegue fino a un dirupo – dove ci si deve calare con le corde – e raccoglie l’alloro, facendone scorta anche per quelli che non sono venuti fin lì. 
L’alloro è la pianta sacra a San Silvestro, e il luogo dove viene colto è davanti alla grotta dove il corpo del Santo – dopo essere scomparso da quattro secoli – era stato ritrovato, miracolosamente intatto.
L’alloro, tra preghiere e invocazioni, viene portato al campo: si celebra sotto un albero la messa, e finalmente i ramara si prendono un meritato riposo. La sera, intorno ai fuochi, canti  carni arrostite e vino creano l’atmosfera giusta per festeggiare degnamente la giornata.

L’alba del giorno dopo vede un grande fermento al campo, che viene smontato, mentre i ramara si avviano sulla strada del ritorno.
A Troina, intanto, sin dal primo pomeriggio parecchia gente si è radunata al ponte di Faidda, in attesa di scorgere i ramara di ritorno. Davanti alla cappelletta dedicata a San Silvestro, vicino al ponte, mazzi di fiori freschi.
Ed ecco, sulla lunga curva del colle che sovrasta il fiume Troina, compaiono le sagome di piccole figure in movimento, i primi che stanno tornando.

A poco a poco la fila di lontane figure che scendono si infittisce e avvicina: il primo ramara, con il volto segnato dalla fatica e un sorriso trionfante, porge un ramo d’alloro al primo troinese che incontra, poi depone altro alloro davanti alla cappelletta.

Così, dopo una marcia di oltre quaranta chilometri, finisce la devozione dei ramara. Che però, in realtà, costituisce soltanto il primo momento dei festeggiamenti per San Silvestro, perché la domenica dopo gli stessi ramara, questa volta vestiti a festa e con in testa la vara del santo, attraversano le vie di Troina in solenne processione. 

Alessio Camusso

'Nacchiota - video

Trailer Lu Principiu di li Fiesti

Ultime Testimonianze

  • ► 24 Maggio 2017, ci scrive Silvio

    Ottimo viaggio aiutati anche da uno splendido tempo, e grandissime emozioni come ogni anno.

    Leggi tutto...  
  • ► 23 Maggio 2017, ci scrive Nino

    Quest'anno il mio pellegrinaggio in onore di San Silvestro ha avuto un "sapore" particolare. Non dovevo partire....

    Leggi tutto...  
  • ► 8 Maggio 2017, Umberto ci invia questa email:


    Oggi - leggendo la e-mail che mi avete mandato -  riaffiorano in me tantissimi ricordi di pellegrinaggi come Ramaro. Ricordo, come fosse oggi, il primo viaggio - nel lontano 1982 - quando mi sono trasferito qualche anno prima.

    Leggi tutto...  
  • ► 13 Gennaio 2016, ci scrive Luigi...
    "...Ho fatto il mio primo viaggio nel 1989, ho completato l'andata e purtroppo non ho potuto completare il viaggio di ritorno per problemi ai piedi, e ricordo che se non ci fosse stato la buon'anima di Ciccio Scavone

    Leggi tutto...  
  • ► 23 Dicembre 2014, ci scrive Maurizio...
    "Il mio primo viaggio è stato nel lontano 1983, poichè mio nonno paterno era già massaro del quartiere san Basilio molti anni prima.

    Leggi tutto...  

Chi c'è Online?

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Albo dei Ramari

Cari Ramara, ho pensato di aggiungere al sito la possibilità, per quanti di voi hanno partecipato al Viaggio, di inserire il proprio nome, l’anno e se volete anche un breve, personale, punto di vista sul pellegrinaggio. E’ semplicissimo: basta andare in questa pagina e inviare una mail.
Questo ci permetterà di ricostruire la nostra storia attraverso i nomi dei fedeli che hanno animato il gruppo Ramara nel corso degli anni.
Se anche tu sei stato un Ramaro, inserisci il tuo nome nell’albo e… dillo anche a quanti non si sono ancora inseriti!

Dicono di noi

Troina. I Ramara in "viaggio" sui Nebrodi

Ogni anno, nel mese di maggio, da tempo immemorabile, accada quel accada,Leggi tutto...

Escursione etno-antropologica "solo per uomini"

Antica festa intorno ai legami fra uomo e natura. Si parte giovedì 20 alle h 15.Leggi tutto...

Menù di San Silvestro da Troina

La penultima domenica di maggio, in onore del patrono San Silvestro si svolge un' antichissima manifestazione folcloristica:Leggi tutto...
 

Perché questo sito?

Cosa c’è di più bello di qualcosa che nasce dalla passione?
E quando questa dà origine a un progetto comunicativo è ancora più bello impegnarsi per riuscire ad esprimere tale passione.

Tutto nasce dalla mia voglia di raccontare il viaggio a San Silvestro su una pagina dedicata interamente al gruppo dei Fedeli Ramara, con foto, video e riflessioni da condividere con quanti vorranno collaborare per far comprendere a tutti i non troinesi, il senso di questo nostro cammino, in un'epoca ormai lontana dai racconti fatti intorno al tavolo in cucina. Il sito nasce per coinvolgere tutti, con contenuti simpatici e accattivanti, ma anche con argomenti appassionati e impegnativi.

Nella parte più divertente, da visitare quando vuoi sorridere o per levarti qualche curiosità, abbiamo la rubrica “Lo sapevate che?”.

S5 Box

Login